Al ricevimento a casa dell’ambasciatrice Maria Angela Zappia, rappresentante permanente per l’Italia presso le Nazioni Unite, hanno mangiato poco. Non che il rinfresco non fosse ricco: è che a una cena in piedi, se sei il presidente del Consiglio o il ministro degli Esteri, è difficile tu possa lanciarti nella mischia per afferrare una tartina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Adesso i dem rinuncino pure a Prodi & C.

prev
Articolo Successivo

All’Onu è il giorno dei sovranisti

next