Di Maio? Col nuovo alleato, cioè il Pd, non ha più paura di essere cannibalizzato e ha cambiato completamente la sua comunicazione. Lo scorso anno, invece, era prigioniero di Salvini, tanto che, a un certo punto, cominciò a inseguirlo nelle gare di rutti che naturalmente perdeva, perché il più bravo di tutti in quelle era Salvini che le fa sin da piccolo”. Sono le parole del direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, nel corso della trasmissione Otto e Mezzo, su La7.

E aggiunge: “Adesso Di Maio non ha più un alleato competitor forte, identitario, popolare, ma c’è il Pd, cioè un partito diviso in 8 correnti, sbiaditissimo, senza un grande frontman riconoscibile popolare e soprattutto con un programma talmente vago che si stenta a ricordare una parola d’ordine del partito”.

Il giornalista Alessandro Giuli osserva che la bandiera del Pd è lo Ius Soli, ma Travaglio obietta: “No, non hanno nemmeno il coraggio di pronunciarlo, perché in questo momento sanno che farebbero un regalo a Salvini. Quindi, adesso Di Maio ha paura che il programma vago che è stato scritto in poco tempo da Conte autorizzi questo governo a vivacchiare senza fare delle cose forti”.

Il direttore del Fatto chiosa: “Di Maio, pertanto, si è assunto il compito del ‘mai contento’, del malmostoso, del malpancista, che ogni giorno, anche quando viene fatto qualcosa di concreto come l’accordo di Malta, segnala subito che però non basta, perché è necessario andare in Africa per fare accordi finalizzati ai rimpatri. Insomma, Di Maio rilancia perché vuole sempre di più. E’ un cambio di passo dovuto proprio al cambio di alleato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La7, Cacciari: “Ue fa accordi con Libia e finge di non vedere le condizioni bestiali dei migranti nei lager. Pazzesco”. Botta e risposta con Gruber

prev
Articolo Successivo

Tassa merendine, Sallusti vs De Gregorio: “Anche pastasciutta fa male, dipende da quanta ne mangi”. “Non fa onore alla tua intelligenza”

next