Dopo aver fatto scadere il tempo a disposizione per legiferare sul fine vita, il Parlamento in extremis fa una mossa. Mercoledì al Senato, proprio nelle ore in cui è atteso il pronunciamento della Consulta sul caso di dj Fabo, sarà infatti presentato un disegno di legge che porta le firme di parlamentari di tutte le forze che sostengono il governo giallorosso: M5s, Pd, Leu, ex M5s e Italia viva. Monica Cirinnà (Pd), Tommaso Cerno (Pd), Loredana De Petris (Misto-LeU), Matteo Mantero (M5s), Riccardo Nencini (Psi-Italia viva), Paola Nugnes (Misto-LeU) e Roberto Rampi (Pd) presenteranno un provvedimento di tre articoli che modifica l’articolo 580 del codice penale intervenendo “sull’aiuto medico al morire e la tutela della dignità nella fase finale della vita”.

In sostanza viene riconosciuta ad un “paziente con patologia irreversibile“, “fonte di sofferenze fisiche o psicologiche intollerabili” e “capace di prendere libere decisioni” il diritto all’induzione farmacologica della morte. Il ddl precisa però che è necessario distinguere tra istigazione e aiuto al suicidio. “La somministrazione dei trattamenti”, si legge nel testo, “è consentita, anche presso il domicilio del paziente, unicamente nell’ambito del servizio sanitario nazionale da parte di personale medico e sanitario che non abbia formulato al riguardo obiezione di coscienza”.

Per quanto riguarda le pene rischia “la reclusione da cinque a dodici anni” – pena invariata rispetto alla situazione attuale – chi “determina” o “rafforza” il “proposito di suicidio” di qualcun altro. “Se il suicidio non avviene, è punito con la reclusione da uno a cinque anni, sempre che dal tentativo di suicidio derivi una lesione personale grave o gravissima”. Per chi invece “agevola l’esecuzione del suicidio” si prevede “la reclusione da uno a quattro anni” se avviene la persona muore. “Se il suicidio non avviene, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni, sempre che dal tentativo di suicidio derivi una lesione personale grave o gravissima”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, tensioni all’assemblea senatori: spunta ipotesi ‘comitato di 10’ al posto di Di Maio. Giarrusso: ‘Ha troppi poteri, intervenga Grillo’

prev
Articolo Successivo

Clima, Conte all’Onu: “Avviata nuova stagione di riforme. L’allarme sul ghiacciaio del Monte Bianco deve scuoterci tutti”

next